venerdì 25 febbraio 2022

Andrzej Sapkowski - La spada del destino

 

Ed eccomi di nuovo ad affrontare la saga di The Witcher, tornata alla ribalta grazie alla serie tv targata Netflix (di cui però non ho ancora visto la seconda stagione), questa volta con il secondo capitolo La spada del destino («La spada del destino ha due lame. Una sei tu»), che è sempre una raccolta di racconti e di cui ho già parlato anni fa in maniera esauriente QUI. Rispetto al primo Il guardiano degli innocenti, è forse meno focalizzato sulla rielaborazione (e il sovvertimento) del patrimonio favolistico ma lo spirito è lo stesso, e Sapkowski dimostra di essere migliorato come autore, gestendo meglio personaggi e trame. L’ultimo racconto, Qualcosa di più, è stupendo: un crescendo in cui vediamo tutti i momenti della vita di Geralt nei quali lo strigo ha rifiutato l’idea di destino, mentre in fin di vita si rende conto di essere solo e abbandonato da tutti, dalle amanti e addirittura dalla madre, e di avere un nome e una provenienza che non sono nemmeno veri; eppure alla fine scopre di non essere solo davvero e non può negare di essere di fronte a quel “qualcosa in più” che era convinto non sarebbe mai arrivato.

sabato 15 gennaio 2022

Nicholas Blake - Il caso dell’abominevole pupazzo di neve

 
Non è una novità del panorama editoriale internazionale questo Il caso dell’abominevole pupazzo di neve, scritto da Nicholas Blake, pseudonimo del poeta Cecil Day-Lewis (1904-1972), padre del celeberrimo attore Daniel Day-Lewis e autore di una ventina di gialli con protagonista l’investigatore Nigel Strangeways. Credo sia la prima volta che un suo romanzo sia stato tradotto e pubblicato in Italia, tra l’altro con una copertina meravigliosa molto simile a quella de Le sette morti di Evelyn Hardcastle di Stuart Turton (anche se i libri sono molto diversi). La vicenda è ambientata a Dower House, Easterham Manor (una cinquantina di chilometri da Londra), dove la famiglia Restorick (adulti e bambini) è riunita per l’approssimarsi delle festività natalizie. Nigel e la moglie vengono invitati nella dependance di Dower House dall’anziana proprietaria che vuol far indagare al nostro detective (presentato come un esperto di soprannaturale) su cosa è successo durante una seduta spirita nella Stanza del Vescovo (come ogni dimora inglese che si rispetti Dower House ha una leggenda di fantasmi): il gatto di casa è impazzito e si è addormentato improvvisamente. Il giorno successivo all’arrivo dei coniugi Strangeways, la sorella della padrona di casa, Elizabeth Restorick, viene trovata morta impiccata nella sua camera: il classico delitto della camera chiusa, il suicidio sembra ovvio. Nigel però dubita e comincia a indagare: ci sono dei personaggi collegati alla famiglia che danno molto da pensare (lo scrittore progressista, il fratello devoto, l’amica gelosa). La vittima era troppo disinibita per l’epoca (i primi anni della Seconda Guerra Mondiali), troppo libera di costumi e di mentalità, un passato di dipendenza dagli stupefacenti e un figlio avuto da chissà chi. A Dower House si è trasferito anche il suo medico psicologo/terapeuta/ipnotista che la stava seguendo negli ultimi mesi. Le indagini procedono nel pieno rispetto delle regole del genere con osservazioni e intuizioni fino all’identificazione del colpevole, che ovviamente è tra i personaggi principali della vicenda e viene smascherato dal classico monologo finale in cui l’investigatore spiega quanto è stato bravo a risolvere il caso. Non si tratta certamente di un capolavoro della letteratura poliziesca e non brilla certo per sottigliezza psicologica, e per giunta il protagonista è piuttosto canonico (Nigel Strangeways non è di certo Poirot, così come Nicholas Blake non è Agatha Christie), ma Il caso dell’abominevole pupazzo di neve è un giallo all’antica, che dà l’immagine dell’epoca nella quale è ambientato (c’è la guerra ma non è ancora iniziato il bombardamento dell’Inghilterra), in una dimensione che sembra aver cristallizzato il passato (e presente e passato sono intrecciati anche nel caso della famiglia Restorick). Simpatico vedere gli imbranati poliziotti che si trovano ad avere a che fare con un cadavere dopo essersi sempre occupati delle beghe di paese.